Delirio

highres_5298745

La necessità di schierarsi su ogni questione, i pregiudizi che viziano i dibattiti, i giudizi affrettati che suonano come premature condanne inappellabili, le opinioni espresse per partito preso e le forzature di chi è d’accordo ma deve gioco forza dissentire per non cadere in contraddizione con quanto detto in passato, rischiano spesso di rovinare il lavoro di chi si impegna, senza alcuna pretesa di successo, a diffondere una informazione alternativa e sensibilizzare l’opinione pubblica su argomenti importanti. Beppe Grillo è oggi divenuto il simbolo della cosiddetta ‘antipolitica’. E’ stato definito ‘guru’, ‘aizzapopolo’, ‘populista’, ‘demogago’, e chissà cos’altro. Sono stati scritti fiumi di inchiostro sulle sue presunte volgarità e su una possibile deriva antidemocratica e qualunquista della politica. Continue reading

Paolo Barnard

http://www.peacelink.it/mediawatch/images/10195_a24477.jpg

Paolo Barnard è un giornalista freelance autore di importanti inchieste in materia di case farmaceutiche e terrorismo internazionale. Ha girato il mondo alla ricerca di prove e documenti, intervistando infiltrati di Al Qaeda e miliziani israeliani. Barnard è stato co-fondatore della trasmissione Report, ma ne fu allontanato in seguito ad una causa intentata alla Rai da alcune case farmaceutiche oggetto dell’inchiesta “Little Pharma & Big Pharma”, trasmessa da Raitre nel 2001 e riproposta due anni dopo, in cui Barnard si occupava della pratica del ‘comparaggio farmaceutico’. A dispetto delle numerose rassicurazioni ricevute da Milena Gabanelli, presentatrice di Report, Barnard è stato lasciato solo nel momento dell’atto di citazione in tribunale, mentre la Gabanelli e la Rai si avvalevano di importanti studi legali per dirimere il contenzioso. Continue reading

Nostradamus Benetazzo

http://www.icanseethefuture.com/images/nostradamus.jpg

Già qualche mese fa avevo parlato di lui. Eugenio Benetazzo è un giovane esperto di economia che da anni gira l’Italia con uno ‘show finanziario’ itinerante in cui parla di banche, signoraggio ed economia internazionale. Ha pubblicato anche numerosi libri i quali purtroppo sono sconosciuti ai più. Benetazzo è una figura indipendente. Non è legato ad alcun gruppo bancario, editoriale o politico. Divulga le sue tesi attraverso reti televisive private, un canale youtube, un sito web, seminari e libri. Nonostante la sua vasta opera divulgativa, Benetazzo e i suoi argomenti restano pane per pochi denti. Il motivo di questo è facilmente comprensibile non appena si ha modo di ascoltarlo. Benetazzo parla di un futuro che ci riporterà al passato, alla miseria del passato, della scomparsa del ceto medio a vantaggio della borghesia capitalistica, della fine del petrolio che ci farà precipitare all’età della pietra, delle banche che stanno mangiando le nostre vite e della fine del turbocapitalismo che condurrà ad una catastrofe economica che oggi incombe sulle nostre teste e che porterà conseguenze forse più devastanti della crisi del ’29. Continue reading