1976-2008. Da Seveso a Manfredonia, la storia si ripete

http://files.splinder.com/8a4ef0d6c8fc14cd852bcecff00aed22.jpeg

L’Italia è il paese dei misteri, dei gialli, dei casi irrisolti, dei silenzi di Stato, della giustizia ingiusta, dei poteri occulti. Dallo scandalo della Banca Romana del 1894, al maxi-processo per il Petrolchimico di Porto Marghera, fino al processo per il massacro della caserma di Bolzaneto, la giustizia ha spesso deluso e incredibilmente graziato i colpevoli con massicce assoluzioni. In questo filone si inserisce il processo per l’incidente allo stabilimento Enichem di Manfredonia, avvenuto nel settembre 1976, solo due mesi dopo la rottura del reattore nello stabilimento ICMESA che sprigionò nell’aria una nube di diossina nei dintorni di Seveso. Manfredonia è la città in cui sono nato e cresciuto. Nel 1976 non ero ancora nato, ma gli echi di quell’incidente sono risuonati per molti anni dopo, fino a rientrare vividi nei miei ricordi di bambino. Pubblico la lettera di un amico, un mio concittadino, che così ricorda quell’episodio. Continue reading