L’omicidio di Vittorio Arrigoni

httpv://www.youtube.com/watch?v=lPeeHqVodHI
Nell’ambito del Milano Film Festival è stato proiettato il film documentario di Anna Maria Selini “Vik Utopia. L’omicidio di Vittorio Arrigoni”. Vittorio Arrigoni era un attivista dell’International Solidarity Movement (ISM), organizzazione umanitaria che opera a Gaza, in Palestina. Vittorio era un idealista, un utopista, un ragazzo che disprezzava la violenza e i soprusi, che non faceva distinzioni di razza o etnia, che non si riconosceva in nessuna bandiera, che non accettava confini o muri. Impegnato da anni nelle campagne di volontariato in difesa dei diritti umani, Vittorio decise di stabilirsi a Gaza rompendo l’assedio permanente israeliano che da decenni proietta sulla Striscia l’ombra dell’indifferenza e della disperazione. A Gaza Vittorio trovò tutto quello contro cui le sue idee lo avevano spinto a lottare: un popolo frammentato, indifeso e usurpato delle proprie terre secolari dall’arroganza di uno stato che ha fatto della pulizia etnica coatta degli arabi di palestina l’unico obiettivo di politica estera. Continue reading

Quando arriva la sera

l_ee61e94b88b744a5b97eb0ef0ff95ad5

Quando penso ai pittori, ai cineasti, agli scrittori, ai musicisti, penso spesso alla lentezza delle loro vite, alla spropositata quantità di tempo che essi dedicano alla meditazione, all’arte.  I ritmi forsennati e apparentemente insensati della metropoli non lasciano spazio all’arte, non necessariamente intesa come emanazione oggettiva di una capacità, ma anche solo come l’esercitazione della facoltà del pensiero, della riflessione, del guardare con altri occhi il mondo in cui viviamo o tentiamo di vivere. L’arrivismo che doma l’estro, l’abitudine che vince la passione, la noia che sostituisce l’entusiasmo, il raziocinio che irretisce lo spirito.

Far trionfare la voglia di fare arte all’interno di un contesto alienante e indifferente è impresa ardua. Lo sa bene Pierpaolo Lauriola, che con i Pliskin, trio musicale nato a Milano nel 2006, di cui è voce, chitarra e autore dei testi, incide Quando arriva la sera, un album emozionante e sincero. Continue reading

La tv da buttare

televisione-def

In questo blog mi sono occupato spesso di come l’informazione italiana sia lontana dalla realtà e di quanto volgari e deliberatamente fuorvianti siano i talk show politici targati Rai, Mediaset o La7. Io uso la tv come un punching ball, un sacco pieno di sabbia su cui scaricare a pugni la mia rabbia intellettuale. Inizio la mattina con le farneticazioni sgrammaticate di Enrico Vaime su La7, in una rubrica di 10 minuti farcita di banalità e frasi fatte. In serata, dopo la ‘pausa lavoro’, parte l’approfondimento politico di Vespa e Mentana, quest’ultimo ormai passato dal ruolo di moderatore a quello di ospite in studio e sostituito dal fedele sostenitore dell’ex presidente Usa George W. Bush Alessio Vinci. Naturalmente non riesco a seguire interamente questi programmi, ma mi limito a saggiarne il sapore e poi, quasi sempre, buttare la minestra nel water. Continue reading

Solo poche righe

Questo blog nasce soprattutto come una valvola di sfogo. Ma nasce anche dalla volontà di condividere idee e opinioni sulle cose del mondo che ci interessano e diffondere le informazioni che faticano a circolare per contribuire in maniera più diretta ed efficace a migliorare la nostra realtà di quanto una croce sulla scheda elettorale non possa fare.

Marco